Museo Gianetti -Precarieta'
Martedi, 27 Novembre 2012
Precarieta'

 

PRECARIETA’

Installazione di Elisa Rossini

 

Sabato 1 dicembre 2012 in centro a Saronno, in Piazza della Libertà, prenderà l’avvio l’installazione e performance di Elisa Rossini: Precarietà.

1170 trottole in porcellana bianca, suddivise a gruppi, riempiranno il centro del pentagono disegnato sul selciato della piazza.

Ad ogni trottola corrisponde un cittadino saronnese che risulta aver fatto dichiarazione di immediata disponibilità presso i centri per l’impiego della Provincia di varese.

Il lavoro di Elisa Rossini, che si basa sull’osservazione,la registrazione, la classificazione e conseguente catalogazione di ciò che la circonda, si esplica in quest’opera dandoci un chiaro segnale sul territorio.

Che la situazione economica e di lavoro dell’Italia sia in un momento difficile lo sentiamo ormai in ogni conversazione, senza mezzi termini. In un momento in cui tutti gridano e scalpitano, dove la rabbia, l’impotenza di fronte alle situazioni sembrano prevalere, ecco che l’artista si rivela al pubblico attraverso la gentilezza: con un piccolo movimento della mano mette in moto una trottola, e in quel gesto racchiude la sua partecipazione, il suo messaggio.

Elisa ci regala, attraverso la forma poetica, delicata e giocosa delle trottole, l’immagine forte della realtà del nostro territorio, ma che senza difficoltà possiamo estendere ad una situazione generale della società. La trottola, antico oggetto risalente almeno al 2600 a.C., ci racconta del gioco e della predizione; utilizzata anche come strumento divinatorio e propiziatorio, ci ha accompagnato, col suo moto vorticoso, nei secoli. Quale metafora migliore per definire il concetto di Precarietà? È nel nostro gergo utilizzare la frase “girare come una trottola”, quando si viene continuamente rimbalzati da una situazione all’altra.

Elisa Rossini ci presenta questo oggetto in porcellana, materiale che lentamente si è fatto conoscere all’artista attraverso la sua collaborazione con il museo Gianetti. Materiale nobile e prezioso, dalla fragile apparenza, ma che in realtà nasconde durezza e resistenza, tanto da essere ancora oggi utilizzato in molti campi, tanto da poter essere “messo in moto” diverse volte.

La metafora con la precarietà è evidente. Elisa ha osservato il periodo tra ottobre 2011 e settembre 2012, ha registrato i dati relativi ai quattro trimestri, ha classificato per fasce d’età e sesso e infine ha raggiunto un numero: 1170.

Di questo grande gruppo di trottole una parte viene fatta girare, l’altra rimane ferma, sottolineando non solo la precarietà, ma anche l’impossibilità a volte di potersi muovere.

Durante la performance verranno elencati attraverso un megafono, i dati relativi ai trimestri di osservazione. Successivamente le trottole, suddivise in fasce d’età, sono affidate ai responsabili di quattro luoghi significativi della Città di Saronno: il Comune, l’InfomaGiovani – InFormaLavoro, il museo della ceramica Giuseppe  Gianetti, il museo delle Industrie e del Lavoro Saronnese, dove saranno visibili fino al 20 dicembre.

 Mara De Fanti, Conservatore Museo G. Gianetti

 

 Museo G. Gianetti via F. Carcano 9, Saronno

Museo delle Industrie e del Lavoro Saronnese  via Don Griffanti 6

Comune di Saronno piazza della Repubblica 7

InformaGiovani - InFormaLavoro di Saronno  V.le Santuario 2

 

Con il Patrocinio del Comune di Saronno

 

In caso di maltempo l’evento si terrà presso il Museo delle Industrie e del Lavoro Saronnese

 

www.elisarossini.it

www.comune.saronno.va.it   www.informagiovanisaronno.it   www.museomils.it

www.mpsporcellane.com